Mese: aprile 2015

Le bombarde

Da piazza del Tocco, la piazza principale del paese, imbocchiamo la strada in discesa nascosta nell’angolo a destra, questa ci porta alle Bombarde.
Passeremo prima prima davanti al Palazzo Grimaldi-Serra, sede del comune e poi dalla chiesa dell’Annunziatella, qualche anno fa dentro ci crescevano gli alberi, ora invece il restauro ed il recupero l’hanno restituita ai cittadini ed ai visitatori.
Lasciata sulla nostra destra la chiesa dell’Annunziatella giungiamo alle Bombarde, da qui il panorama è spettacolare, con un solo colpo d’occhio si abbracciano quasi cento chilometri di costa.
A nord scorgiamo la rocca di Roccella, riconoscibile per il profilo del suo castello, poi a seguire: Marina Di Gioiosa Ionica, Siderno, Locri, Marina di San Ilario dello Ionio, Ardore Marina, Bovalino Marina, Bianco, Africo Nuovo, concludendo con la rocca di Africo.
Da qualche anno è stato riaperto un percorso che consente di fare una passeggiata sotto le maestose arcate in cemento armato costruite a protezione della rocca e che identificano Gerace da lontano.

La circonvallazione di Porta del Cofino

Per agevolare l’accesso al paese negli anni settanta è stata costruita una strada che da Porta del Cofino porta direttamente al Castello.
Alla fine della circonvallazione troviamo a destra delle grotte che pare siano i resti di una chiesa rupestre basiliana e testimoniano come la rupe fosse abitata anche in tempi molto remoti.
A sinistra una stradina ci porta direttamente in Piazza delle Tre Chiese, ma vi consigliamo di tornarci successivamente, sia perché spezzereste il percorso, sia perché qua di solito è difficile trovare posto per parcheggiare e la strada è contromano. In periodi di scarso afflusso turistico è facile parcheggiare vicino al Castello e ammirare il panorama sulle campagne circostanti.